info@evacaridi.com | +39 0836 567491

EVA CARIDI - ARTIST

Radici che si incontrano, linguaggi e approcci dissimili che cercano di ritrovarsi in un terreno comune, quello delle sale di un maniero antico arroccato saldamente nella terra rossa del Salento, all’interno di un borgo fascinoso come Acaya. Un’architettura coinvolgente che sembra sia approdata lì chissà da quanti millenni, come se fosse parte integrante di un paesaggio mentale e tangibile da sempre, oltre il tempo stesso e lo spazio. Spazi carichi di memorie ataviche, architetture connotate, sinergie già avviate e in progress. E poi uno scontro tra titani, quelli scolpiti e dipinti, naturalmente, nel segno di un confronto fecondo di sollecitazioni, nel nome di Eva Caridi e Bogumil Ksiazek, i due artisti protagonisti di un percorso espositivo corale, frutto di lunghi dialoghi tra il Salento e Atene, Corfù e Cracovia, in una dimensione dialogica che certamente proseguirà nei progetti futuri già in cantiere. Approdi è questo e tanto altro ancora. Una parola che si presta a letture multiple, così come sfaccettate sono le visioni che s’intervallano in questo continuo rincorrersi di generi, temi, concept e dialoghi tra gli artisti. Un termine ormai integrato al mondo della cronaca giornalistica e quindi nel lessico adottato nella quotidianità di tutti noi, ma anche una parola foriera di immaginari che si moltiplicano senza soluzione di continuità nel maniero tra terra e cielo e con uno sguardo verso il mare. Lorenzo Madaro Curatore

EVA CARIDI

“I see form as an accessing of meaning, as a material holding of the ephemeral and the poetic. I mine the physicality and psychology of the material seeing in them an expansiveness and a capacity to evoke sensorial experience”

I’m Social